domenica 12 novembre 2017 – h.15.00: Sacro e Profano a Santa Maria in Cappella, Da Ospedale di Santa Francesca romana a Bagni di donna Olimpia

Print Print

Santa Maria in Cappella: due passi tra Medioevo e Rinascimento. Il sito, sebbene piccolo, raccoglie tanta storia e tante storie: dalla consacrazione della chiesa nel 1090, all’Ospizio di S. Francesca Romana del XIX secolo.


E’ un periodo segnato da scismi e antipapi. Due donne emergono nella storia del luogo: Francesca Romana, detta Ceccolella, e Donna Olimpia Maidalchini, detta la Pimpaccia; la prima fu simbolo di carit├á e dedizione familiare; la seconda fu simbolo del potere e, secondo le maldicenze di allora, dell’avidit├á e degi intrighi di palazzo.


Passeggeremo nelle corsie ottocentesche dell’ospedale dei Doria Pamphilj, attraversando la cappellina del Busiri Vici, per scendere nella chiesina medievale; qui affiorano ancora i resti di mura romane e medievali; in una delle navate ├Ę stato ricostruito l’ospedale del SS. Salvatore creato da Andreozzo Ponziani, suocero di Francesca. Analizzeremo alcuni reperti importanti: la lapide di dedicazione della chiesa e la croce del Borromini. Tutto, nel fascino di Trastevere.

Source Article from https://www.info.roma.it/associazione_eventi.asp?ID_evento=298

Category : Eventi

Comments are closed.