venerd├Č 20 settembre 2013 – h.21.00: Pasquino e gli altri, Le statue parlanti di Roma

Print Print


Le statue parlanti di Roma

Prima della radio, della televisione e di internet, la satira a Roma passava attraverso le cosiddette statue parlanti. La pi famosa , tra tutte, Pasquino, misero frammento di un antico gruppo scultoreo ritrovato nei pressi di piazza Navona durante la costruzione del palazzo del cardinal Oliviero Carafa, che pens bene di collocarlo in bella mostra avanti la sua abitazione.

La consuetudine di affiggere componimenti in versi sul basamento della statua nasce nel 1501: non si tratta per delle tremende e pungenti pasquinate, ma di ben pi inoffensivi (e a volte francamente pesanti) componimenti in latino, realizzati da studenti del Ginnasio e successivamente raccolti in antologie. Ma poco a poco si fa strada il desiderio di mettere in ridicolo e stigmatizzare i comportamenti dei personaggi pi in vista del tempo, primo tra tutti il pontefice, seguito da cardinali e da chi, di volta in volta, colpiva limmaginazione dei romani.

Come gi accennato, Pasquino non lunica statua parlante della citt, anzi presto comincia a conversare con altri marmi antichi sparsi qua e l: suo compare prediletto il Marforio, sulla piazza del Campidoglio, ma abbiamo anche lAbate Luigi, la Madama Lucrezia, il Babuino ed il seminascosto e trascurato Facchino di via Lata.

La passeggiata ci offrir quindi loccasione di ripercorrere quattrocento anni di storia romana (Pasquino e gli altri smettono di parlare alla fine dellOttocento) attraverso la voce pi vera e beffarda della roma papalina. Un assaggio? Eccolo, dedicato ad Urbano VIII (siamo perci nel 600, ma sembra attualissima), che si era meritato il soprannome di Papa Gabella per le continue tasse che imponeva al popolo:

Urbano ottavo dalla barba bella,

finito il Giubileo, impone la gabella.

Source Article from http://www.info.roma.it/associazione_eventi.asp?ID_evento=51

Category : Eventi

Comments are closed.